IN FRANCIA OBBLIGO DEI GUANTI PER I MOTOCICLISTI

Approvato a Parigi un decreto rivoluzionario: 68 euro di multa ed un punto patente in meno per i motociclisti che non usano i guanti omologati. Si tratta di un dispositivo che limita del 95% le ferite In Francia i conducenti ed i passeggeri di tutti i motoveicoli, quindi ciclomotori e motocicli, e di tricicli, ad eccezione di quelli dotati di cinture e portiere, dovranno indossare guanti omologati, a partire dal 20 novembre prossimo: quello che prevede il decreto n. 2016-1232 approvato lo scorso 19 settembre dal Primo Ministro Manuel Valls, dal ministro dellInterno Bernard Cazeneuve, da quello dello Sviluppo Sgolne Royal e dal titolare del docastero della Giustizia Jean-Jacques Urvoas. Il cammino di questo provvedimento, che sembra predisporre la scena francese ad una rivoluzione dei trasporti, in chiave di sicurezza stradale, era iniziato molti anni fa, quando era divenuto evidente, Oltralpe, che non sarebbe mai stato sufficiente fasciare un guardrail e far indossare un casco a garantire la sicurezza passiva dei centauri. Dopo molte discussioni, il Comitato Interministeriale della Sicurezza Stradale, istituto di cui lASAPS (Associazione Sostenitori Amici della Polizia Stradale) invoca da tempo listituzione anche in Italia, ha infatti chiuso la redazione di un provvedimento pilota gi agli inizi del 2015, che dopo un breve iter nelle stanze dellEliseo, dove ogni mercoled hanno luogo i lavori dellesecutivo, presieduti dal Capo dello Stato Franois Hollande. Cos stato ed ora, chi vorr evitare di sborsare 68 euro in caso di controllo di polizia (45 in caso di pagamento immediato o entro 15 giorni dalla contestazione) e di lasciare uno dei 12 punti disponibili nel carniere degli agenti. La filosofia di questo provvedimento semplice: il guanto, ovviamente quello omologato, una dotazione essenziale, capace di limitare del 95% secondo lo studio Maids (Motorcycle Accidents In Depth Study) la gravit delle ferite in caso di caduta. Per essere in regola, come gi detto, i centauri dovranno dotarsi di capi omologati secondo i certificati CE, i cui standard prevedono resistenza agli strusciamenti, alle perforazioni ed ai tagli. Secondo lassociazione Prevention Routire, che rilancia la notizia, si tratta di una misura benvenuta, destinata a proteggere gli utenti di una delle categorie pi deboli della strada, che paga il 43% dei feriti gravi a dispetto di una presenza, traffico francese, del solo 2% (articolo tratto dal sito www.asaps.it).